tre Morini, un Mondino

Altri due giorni nel pavese, questa volta senza il super terrestre che ha preferito non perdere giorni di scuola, o almeno così pare.

Il viaggio diventa sempre anche occasione: di scoprire un po’ quell’Italia che altrimenti forse non avremmo mai visto.



Passeggiare per le vie di Certosa di Pavia, tentando di entrare proprio dentro alla Certosa, nonostante il cancello ormai chiuso, fermarsi a mangiare in un’osteria e poi andare.

Il Mondino ci accoglie e ci illumina: materiali poveri per costruire grandi idee.

Che sembrano sempre facili da realizzare a casa, ma poi in realtà quando mi ci metto spesso non so da dove cominciare. Diciamocelo: manualità e sartoria non mi si addicono molto purtroppo.

E poi Pavia. Si torna turisti per le vie del centro, in un locale per l’aperitivo, guardando le vetrine dei negozi e passeggiando sotto il ponte coperto.


In ogni momento abbiamo pensato a cosa avrebbe detto o fatto Martino, in ogni momento ne abbiamo sentito l’assenza, ma, per quanto cerchiamo di trasformare queste trasferte in piccoli viaggi, hanno un unico vero scopo: la terapia; per questo non me la sento di obbligarlo a venire.

Adesso, inizia la caccia ai materiali per creare nuovi divertenti stimoli, per una piccola aliena non troppo collaborativa.

E buon onomastico al mio piccolo grande uomo Martino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...